mercoledì, Luglio 24, 2024
NewsSarah Michelle Gellar e le scene gay-friendly di Scooby-Doo

Sarah Michelle Gellar e le scene gay-friendly di Scooby-Doo

La celebre attrice di Buffy - L'ammazzavampiri, ha dichiarato in un'intervista che la versione originale della sceneggiatura prevedeva diverse situazioni e battute gay-friendly.

Durante un’intervista al Watch what Happens Live with Andy Cohen, Sarah Michelle Gellar ha parlato di alcune scene successivamente tagliate nel film del 2002 Scooby-Doo.

Sarah Michelle Gellar: il bacio gay tra Daphne e Velma

Ah, quanto si specula sulla sessualità di Velma! Si tratta senza dubbio di uno dei personaggi più amati della serie animata Scooby-Doo e per questo, forse, ci piace fantasticare sulla sua vita privata. Questa volta è l’attrice Sarah Michelle Gellar, nota al grande pubblico per aver interpretato il personaggio di Buffy, a parlarne.

Ospite al Watch what Happens Live with Andy Cohen, l’attrice ha risposto alla domanda piuttosto diretta di un fan che ha chiesto delucidazione in merito ad alcune scene non inserite nel montaggio definitivo: c’era o no una tresca tra il personaggio di Daphne (interpretato da Sarah Michelle Gellar) e Velma?

«Non so se c’era una relazione, ma c’era qualcosa di ammiccante…», ha detto l’attrice. «O meglio, io penso che fosse ammiccante, loro (i produttori ndr) forse l’hanno visto un po’ troppo chiaro, per questo hanno deciso di tagliarlo».

Il presentatore allora ha chiesto più chiarezza circa il “ammiccante”. E l’attrice ha specificato che si trattava della scena di un bacio tra Velma e Daphne.

E in tutto questo, Fred?

L’ammazzavampiri ha continuato dicendo che pure un’altra battuta è stata tagliata. Battuta che, tra l’altro, sembra sia stata determinante per l’accettazione del suo ruolo. «Durante una lite tra Fred e Daphne, quest’ultima gli gridava ‘… e quel foulard ti fa sembrare gay!’, poi gli sbatteva la porta in faccia».

Sembra che ci fossero velati riferimenti alla bisessualità di Fred, anche questi poi eliminati dal film. Lo stesso regista aveva dichiarato come il film, sulla carta, fosse molto più esplicito circa la sessualità dei personaggi, ma che poi fosse stato tutto censurato nel montaggio finale.

Freddie Prinze Jr. interpreta Fred Jones in Scooby-Doo (2002)
Freddie Prinze Jr. interpreta Fred Jones in Scooby-Doo (2002)

La troppa censura è stato il motivo del fiasco al botteghino?

Secondo Sarah Michelle Gellar, sì. Se il film fosse stato più esplicito, avrebbe dato agli spettatori ciò che si aspettavano.

Secondo noi… be’, no. Il film non era proprio un capolavoro. Stroncato dalla critica e dal pubblico, il film ha ricevuto ben due candidature ai Razzie Awards. Inoltre, tutto questo queerbaiting è anche piuttosto fastidioso e non è poi tanto migliore della censura. È un po’ una trappola per tenere incollati gli spettatori queer ed è un po’ come dire: “guarda, forse questi personaggi potrebbero essere gay, ma non possiamo dirtelo perché i panni sporchi si lavano in famiglia”.

Ma alla fin fine, il film era del 2002, sono passati 20 anni, concediamogliela un po’ di ingenuità.

Questo però non toglie che fosse un film piuttosto bruttino, eh.

Cosa ne pensi della “fumosa” relazione tra Daphne e Velma? Faccelo sapere su Instagram e Facebook.

E tu cosa ne pensi? Faccelo sapere scrivendoci sul nostro profilo Instagram!

Bambi diventa un film horror!

Finalmente un po' di notizie di spessore! Nell'epoca dei remake live action dei classici Disney, serve una ventata di aria fresca e di novità....

Steven Spielberg: il discorso a Berlino

Steven Spielberg ha ricevuto l'Orso d'Oro alla carriera al Festival di Berlino. Nel suo discorso di ringraziamento ha fatto il punto sulla sua carriera....

Il Napoleon di Kubrick diventerà una serie

Il Napoleon di Stanley Kubrick, vedrà finalmente la luce. A rivelarlo è nientepopodimeno che Steven Spielberg, che ha rilasciato alcune dichiarazioni durante la...

Kristen Stewart, presidente di giuria della Berlinale 2023: “sono ancora scioccata”

Si è conclusa poche ora fa la conferenza di presentazione della giuria della Berlinale 2023. Una selezione incredibile con nomi altisonanti tra cui spicca...

BAFTA 2023: tutti i vincitori

La mia escort

È sempre un piacere mettere le mani (e gli occhi) su produzioni indipendenti come La mia escort. Una boccata d’aria fresca rispetto al cinema...

Al di là del mare

★★★ Abbiamo avuto il piacere di vedere in anteprima il mediometraggio Al di là del mare che è disponibile da oggi su Prime Video e...

Che fine farà la sala?

La sala cinematografica sta morendo?  Il dibattito negli ultimi tempi è molto acceso, attuale e apparentemente senza  una vera risposta.   Com'era un tempo? Ricordo, quando ero piccolo,...

Il cinema di Don Siegel

Nella storia del cinema, ci sono registi che hanno lasciato un segno indelebile creando capolavori assoluti di cui tutti parlano, e altri invece, che...