giovedì, Febbraio 22, 2024
CinemaChe fine farà la sala?

Che fine farà la sala?

In questo periodo in cui lo streaming prende sempre più spazio ci chiediamo: la sala cinematografica riuscirà a sopravvivere?

La sala cinematografica sta morendo? 

Il dibattito negli ultimi tempi è molto acceso, attuale e apparentemente senza  una vera risposta.  

Com’era un tempo?

Gremlins (1984) di Joe Dante
Gremlins (1984) di Joe Dante

Ricordo, quando ero piccolo, lʼattesa dei film. Poche le notizie a riguardo, forse  un trailer in televisione o un articolo sui giornali, e poco altro. Uscivano  unicamente in sala, e, dopo diversi mesi, in vhs. Il film era un vero e proprio evento, un momento che catalizzava la vita di tutti. Le lunghe code, le attese e  poi le grandi emozioni vissute nel buio di una sala.

Dracula di Bram Stoker (1992) di Francis Ford Coppola
Dracula di Bram Stoker (1992) di Francis Ford Coppola

Oggi lʼapproccio al cinema è  molto diverso. Si seguono passo dopo passo le produzioni attraverso i social,  poi trailer, teaser, spot, annunci e chi più ne ha più ne metta. Il film in un certo senso ha perso quella magia, diventa oggetto fruibile in tutta velocità. Il tempo  di un click e di una scrollata e si dimentica in fretta quanto visto. A complicare il  tutto si son messe le piattaforme che producono centinaia di film, spesso  brutti, e che la gente vede senza un vero interesse. Si può mettere “pausa“,  riprenderlo il giorno dopo, tutto senza la giusta attenzione.

La sala è tutto un altro discorso.  

C'era una volta... Hollywood (2019) di Quentin Tarantino
C’era una volta… Hollywood (2019) di Quentin Tarantino

Si entra con degli sconosciuti, si attende il buio, e quel fascio di luce che si  anima sullo schermo. Le emozioni condivise, belle e brutte, le grandi  soddisfazioni a volte qualche cocente delusione. Il cinema è lì che deve stare, è a casa sua; è il luogo migliore per poter vivere al meglio quella grande esperienza collettiva che è.  

…e poi quando si accendono le luci e lasciamo i nostri posti, le persone con le  quali torniamo nel mondo reale non sembrano più complete sconosciute. Siamo  diventati una comunità, simile nel cuore e nello spirito, o in ogni caso simile  nellʼaver condiviso unʼesperienza potentissima per un a paio dʼore.

Steven Spielberg

Dice Steven Spielberg in una bellissima lettera rivolta ai cinefili.  

Nel futuro andremo al cinema?

Il fantastico mondo di Amélie (2001) di Jean-Pierre Jeunet
Il fantastico mondo di Amélie (2001) di Jean-Pierre Jeunet

Il movie-going, lʼesperienza, lʼemozione, la voglia di uscire di casa, di scegliere di andare al cinema. Per quanto si possa dire, io credo che la sala non morirà mai. Forse muterà, ma il cinema ha dimostrato spesso di sapersi adattare alle mode, ai mutamenti sociali e non. Così, anche questa volta, pur con grande  preoccupazione, sono sicuro che le sale torneranno a splendere come un tempo.

Léon (1994)di Luc Besson
Léon (1994) di Luc Besson

E non è vero quando qualcuno sostiene che la gente non ci va più, basta  guardare i recenti casi di Top-Gun-Maverick, Avatar-The Way of Water e  altri film che hanno rinunciato allo streaming in favore della sala.

Forse non è  colpa delle sale, ma anche di ciò che viene proiettato, e forse lo spettatore ha davvero bisogno di grande cinema per muoversi dal divano. Ma questo è un altro discorso.

Se si ama il cinema, allora ci si alza dal divano e si corre in sala

Jack Martin


Se questo articolo ti ha convinto a sostenere le sale, ti segnaliamo l’iniziativa Cinema in Festa attiva questa settimana con biglietti a solo tre euro e cinquanta. Non perdertela! È valida ancora solo per oggi 14 giugno e domani 15 giugno.

E tu cosa ne pensi? Faccelo sapere scrivendoci sul nostro profilo Instagram!
POTREBBERO INTERESSARTI

Articoli correlati

Suso Cecchi d’Amico

Anna Magnani, Una voce umana

Hokage e Oppenheimer

POPOLARI