martedì, Maggio 28, 2024
CinemaLGBTQ+ al cinema: ecco il report del 2021

LGBTQ+ al cinema: ecco il report del 2021

GLAAD ha pubblicato il report riguardo la rappresentazione LGBTQ+ al cinema nel 2021. Ecco cosa hanno scoperto.

GLAAD (Gay Lesbian Alliance Against Defamation) è un’organizzazione mondiale che si occupa di accrescere la responsabilità mediatica e il coinvolgimento della comunità nei media. Il loro scopo è quello di permettere che le vere storie LGBTQ+ vengano viste, sentite e attualizzate. Dal 2013 ha avuto inizio il primo Studio Responsibility Index (SRI), e nell’arco 10 anni si è vista incrementata la rappresentazione sullo schermo. GLAAD collabora con Hollywood per migliorare le storie raccontate e eliminare gli stereotipi. Ecco quindi il report del 2021.

Cinema e LGBTQ+ nel 2021: cosa ha scoperto GLAAD nel suo report?

1. I punti chiave

  • Nel 2021 sono diminuiti i film con al loro interno personaggi LGBTQ+, ma sono aumentati i film usciti in sala rispetto al 2020;
  • Per quanto riguarda i personaggi di colore si passa dal 40 al 39%, un piccolo passo indietro;
  • Si conta per la prima volta in cinque anni un personaggio transgender nella produzione di una grande major;
  • C’è stata una diminuzione dello screen time per i personaggi LGBTQ+: solo 7 su 28 (25%) appaiono per più di 10 minuti sullo schermo;

Ancora una volta non è stato rappresentato nessun personaggio con disabilità o che convive con l’HIV, entrambi aspetti importanti della comunità.

LGBTQ+ al cinema: ecco il report del 2021

2. Le case produttrici

Il rapporto annuale di GLAAD censisce la “quantità, qualità e diversità” del personaggi LGBTQ+ all’interno dei film. Hanno utilizzato i dati da Box Office Mojo per analizzare i film delle 7 maggiori case produttrici:

  1. Lionsgate
  2. Paramount Pictures
  3. Sony Pictures
  4. Universal Pictures
  5. Walt Disney Studios
  6. United Artist Releasing
  7. Warner Bros

3. Vito Russo Test

Per valutare i film GLAAD utilizza il Vito Russo Test, che prende il nome dal co-fondatore dell’associazione e storico del cinema. Per passare il test il film che viene preso in esame deve avere le seguenti caratteristiche:

  • Deve contenere almeno un personaggio che sia identificato come gay, lesbica, bisessuale, transgender, e/o queer;
  • Il personaggio non deve essere caratterizzato solamente dal proprio orientamento sessuale o identità di genere;
  • Il personaggio deve avere rilevanza all’interno della storia;
  • La storia del personaggio non deve basarsi su stereotipi.

Vediamo quindi quanti film del 2021 rispettano questi parametri.

4. I dati della comunità LGBTQ+ al cinema

Su 77 film rilasciati al cinema nel 2021, solo 16 avevano al loro interno personaggi LGBTQ+, che corrisponde al 20,8%. Circa 1,9% in meno rispetto al 2020.

Di questi 16 film:

  • 11 avevano al loro interno personaggi gay (69%)
  • 4 lesbiche (25%)
  • 2 bisessuali (13%)
  • 1 trans (6%)

28 personaggi LGBTQ+ sono apparsi nei film delle major nel 2021 e di questi: 19 erano uomini, 8 erano donne e 0 nonbinary, di cui 11 di colore (39%) e 0 disabili.

LGBTQ+ al cinema: ecco il report del 2021

5. Le classifiche

Nessuna delle 7 major è stata classificata da GLAAD come “sufficiente”. Facendo una comparazione la Disney è quella che ha il maggior numero di film inclusivi della comunità LGBTQ+. (5 su 12 film totali).

Lionsgate e Paramount non hanno invece inserito nessun tipo di rappresentazione nel 2021.

  • 5 film inclusivi della comunità LGBTQ+: Walt Disney Studio (su 12, 42%)
  • 4 film inclusivi della comunità LGBTQ+: United Artist Releasing (su 9, 44%)
  • 3 film inclusivi della comunità LGBTQ+: Universal Pictures (su 10, 30%)
  • 2 film inclusivi della comunità LGBTQ+: Sony e Warner Bros (su 15, 13% e su 17, 12%)
  • 0 film inclusivi della comunità LGBTQ+: Lionsgate e Paramount (su 8 e su 6)

Conclusioni

Quindi il lavoro da fare è certamente ancora molto lungo, siamo ancora ben lontani da una rappresentazione della comunità LGBTQ+ all’interno dei film, sia a livello di quantità che di qualità. Ma dei passi avanti, anche se piccoli sono stati fatti. Speriamo che i prossimi anni portino a dei successi in questa lunga battaglia. Allora, mentre aspettiamo il prossimo report, vi posso consigliare due serie tv Netflix a tema LGBTQ+ da guardare per non perdere la speranza di vedersi un giorno rappresentati su uno schermo.

E tu cosa ne pensi? Faccelo sapere scrivendoci sul nostro profilo Instagram!

I migliori 10 attori italiani del cinema contemporaneo

Quali attori e attrici italiani sceglierei nel ruolo di protagonisti per un mio film?Scorrendo la lista di ciò che ho visto negli ultimi anni,...

I 10 migliori film di Vittorio Gassman

Il 2022 è un anno impegnativo per chi, come me, si dimentica spesso dei compleanni. Impossibile dimenticarsi del centenario di Pier Paolo Pasolini, di...

11 film europei da guardare per il Mese del Cinema Europeo

A partire dal 13 novembre, l'European Film Academy ha istituito il Mese del Cinema Europeo. Per quattro settimane sale in 35 Paesi celebreranno i...

Cinema cult camp, cultura queer e Assassinio sul Nilo (1978)

Serata tranquilla. Sono le 21:00 e ho già finito di cenare. Dopo i 30 anni, questo vuol dire che c’è la possibilità di guardare...

Jojo Moyes: Io prima di te e L’ultima lettera d’amore

In che relazione siete con l’amore? Vi ritenete delle persone romantiche? Sono due domande di fondamentale importanza quando si decide di affrontare la lettura...

L’omicidio al telefono

Due film e un bonus che parlano di omicidi al telefono.

L’evocazione: la vera storia dei Warren

Il sonnambulismo è un elemento molto utilizzato (e spesso abusato) dai film horror. È un disturbo del sonno che riguarda soprattutto i bambini che,...

LGBTQ+ nei media: due serie Netflix da non perdere

Avevo circa 12 anni quando ho cominciato a farmi domande sulla mia sessualità e ancora non ho smesso. Quando capisci di non rientrare nella...